MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma...

Discussioni orientate agli sport.
Regole del forum
Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo: non sono riferibili né a prescrizioni né a consigli medici. Leggi il regolamento del forum

MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma...

Messaggioda BIKER40 il 14 ott 2010, 16:55

Posto 2 articoli-test che farebbero pensare alle MTB con ruote da 29'' a dei missili terra-aria rispetto alle tradizionali MTB con ruote da 26''... 7% di differenza se fosse reale sarebbe mostruoso (su 30m di gara che su 120m di gara forse aumenterebbero addirittura).
Basti pensare che su una gara da 2 ore ci sarebbero ben 8m30s di guadagno... Una differenza impressionante da decine di posizioni in classifica.
Le MTB con ruote da 29'' iniziano persino ad intravedersi tra i top bikers della world cup, ma sempre in gare secondarie mai in gare importanti.
L'obiezione che molti adducono è che i bikers professionisti hanno bisogno di bici leggere e scattanti per rispondere ad attacchi o attaccare, questa caratteristica per ora è aliena alle bici con ruote da 29'' per via del telaio più massiccio ma soprattutto per il peso delle ruote maggiorate. Invece per bikers normali l'importante è il passo che "sarebbe" garantito di più da una MTB con ruote da 29'' perchè più confortevoli ed in possesso di più inerzia. L'impressione generale, confermata dal test con potenziometro, è che con le MTB con ruote da 29'' si faccia molta meno fatica per cui si conserverebbero le forze distribuendole meglio.
Ho parlato con 7-8 biker amatori di livello bassino e tutti sono entusiasti delle loro bici con ruote da 29''. Non ho in possesso esperienze di biker medio-forti.
Chi vivrà vedrà... Chi ha idee, esperienze significative in materia è pregato di esporle.
Tra un paio di mesi esporrò le mie impressioni.
Intanto:
http://www.livetrainrace.com/wp/?p=171
http://singletrack.competitor.com/2009/ ... -dead_3050

Saluti.
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma..

Messaggioda igi il 15 ott 2010, 16:29

L'ho provata l'anno scorso una mtb con ruote da 29", su un percorso artificiale e non ricordo impressioni particolari di pesantezza.

Per contro, adesso che mi sono messo ad uscire in mtb (continueró per tutto l'inverno), sono convinto che su terreni molto sconnessi diano un reale vantaggio; come pure su salite molto ripide e sconnesse.
Antico dilemma: É meglio il culo gelato o un gelato nel culo ???

Igi
Avatar utente
igi
Moderatore Globale
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3545
Iscritto il: 17 apr 2007, 9:20
Località: Casalecchio (BO) - però sono romagnolo !!!

Re: MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma..

Messaggioda robertofrr il 15 ott 2010, 16:47

io non le ho mai provate ma mi attira l'idea.
Secondo me vanno meglio su percorsi pianeggianti come quelli che ci sono dalle mie parti oppure in discesa, sicuramente su percorsi veloci, meno su percorsi tortuosi dove ci sono molti cambi di ritmo e con salite.

BIKER40 ha scritto:b- nuova MTB con ruote da 29’’ piuttosto che le classiche da 26’’ e cambio con la doppia piuttosto che la tripla;
c- Ulteriori step (eventuali) per la MTB in fase di valutazione: acquisto di una forcella rigida per gare da veloci a velocissime,


Non mi sembra invece una buona idea una forcella rigida, poi cosa fai? Smonti la bici ogni volta che cambi percorso? mi sembra poco pratico.
Anche sulla doppia sono un po' scettico...
http://asdsantangelo.blogspot.com/
Avatar utente
robertofrr
Senior Member
Senior Member
 
Messaggi: 460
Iscritto il: 27 gen 2008, 18:05
Località: Castiraga Vidardo, a ovest di Paperino

Re: MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma..

Messaggioda BIKER40 il 19 ott 2010, 8:42

Che ci vuole a smontare e rimontare una forcella?
10 minuti.

La doppia invece è diventata quasi di serie su bici di un certo livello. Non è che abbia gran scelta a meno di spendere altri soldini sonanti per le sostituzioni.
Mi resta il dubbio che il 38-26 possa essere molto duro per uno come me che spinge in agilità anche in salita.
Proverò...

Ciao.
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma..

Messaggioda BIKER40 il 22 dic 2010, 9:00

Articolo di Richard Cunningham pubblicato sul numero di Dicembre 2010 di MBA Italia
(rubato dal forum 29'')

Le ruote da 29 pollici di diametro sono diventate l’argomento più caldo degli appassionati di ogni livello.
Salire però in sella ad una 29er richiede un reset mentale ed abitudini diverse, sia di guida che di pedalata.
Se un simile cambiamento viene naturale ad alcuni, per altri può comportare mesi di confidenza con il mezzo ridotta al minimo, se non addirittura una drastica bocciatura di uno standard invece dal più che consolidato potenziale.
Eccovi quindi alcuni consigli sia per la vostra eventuale prima esperienza che per un graduale passaggio che garantisca il massimo della soddisfazione. Se invece non sapete ancora cosa fare in merito, queste valutazioni vi saranno probabilmente utili a capire quale sia la vera natura di una 29er.

1) RAPPORTI CORTI
Una ruota più grande in diametro ha anche uno sviluppo metrico superiore. Copre cioè più percorso con un giro completo e questo allunga notevolmente l’effettivo rapporto di trasmissione adottato, confrontandolo con quanto abitualmente riscontrato pedalando una mtb con ruote da 26”.
Si sente pertanto il bisogno di avere un rapporto più leggero, se con la 26er si fa spesso uso di quello più corto. Oggi ci sono cassette scalate fino ad un pignone da 36 denti, ma la corona piccola Shimano è passata da 22 a 24 denti, vanificando i benefici delle nuove cassette per i bikers in sella ad una 29er.

2) STERZATE DECISE
Il superiore diametro delle ruote da 29” disegna un arco con un raggio più ampio, quando inclinate sul percorso. L’azione di sterzata derivante è pertanto inferiore e per sopperire bisogna ruotate maggiormente il manubrio.
Se poi si è passati anche a manubri più larghi con il cambio di bici, la sensazione sarà di un’ancora minore reattività.
La maggior inclinazione dell’asse di sterzo è invece necessaria per contenere l’avancorsa, ovvero la funzione di autostabilizzazione geometrica dell’avantreno, altrimenti troppo elevata e fattore di ulteriore impigrimento della risposta. Ci vorrà un po’ di tempo quindi per abituarsi alla guida più funzionale di una 29er.


(Via le dita: imparate a fidarvi del maggior grip offerto dalle ruote da 29” e perdete il vizio di sfiorare i freni prima di ogni curva.
la geometria diversa di una ruota da 29 pollici richiede molta più decisione nella guida. Non siate timidi)

3) MANUBRIO PIÙ BASSO
La ruota più grande sposta anche il manubrio più in alto, sebbene l’effetto sia mitigato a volte da forcelle ammortizzate di minore escursione.
Per bikers di statura nella norma, o inferiore, è pertanto necessario ritrovare la postura più corretta adottando un manubrio dritto al posto di quello ormai tipicamente rialzato, riducendo (anche a zero) gli spessori posti al di sotto dell’attacco manubrio ed arrivando pure ad adottare quest’ultimo a gradi zero o girato in negativo.
A parte l’altezza superiore, una 29er richiede un maggior peso sull’anteriore, al fine di garantire la desiderata reattività nella sterzata.

4) GOMME FINI
Se pensavate di restare sulle sezioni più diffuse oggi nel trailride, ovvero tra 2.2 e 2.35”, cambierete idea alla prima salita seria che percorrerete. Ci vuole infatti un bel po’ di gomma in più per completare la circonferenza da 29” ed il peso extra posto in periferia di ruota comporta evidenti peggioramenti in pedalata, anche se molti bikers sono disposti ad accettarlo, pur di rovesciare le cose a vantaggio in discesa.
Va comunque spiegato che la ruota più grande rende gli ostacoli più piccoli non soltanto per un rapporto favorevole nelle dimensioni abbastanza intuitivo, ma anche grazie al fatto di contenere molta più aria al proprio interno e poter così garantire pure un superiore effetto ammortizzante.
Al tempo stesso anche l’impronta a terra di una gomma da 29” è maggiore, con un chiaro vantaggio in termini di presa sul fondo sia in curva che in trazione (salita e frenata), al punto da poter persino adottare più facilmente tassellature meno aggressive di quanto si faccia con gomme di diametro 26”.


(Non più solo per “spilungoni”: le più moderne 29er sono infatti l’ideale anche per molte ragazze e bikers di statura comunque non al di sopra della media, avendo infatti ormai ottimizzato le geometrie.)

5) IN GRUPPO
Anche se molti dei citati vantaggi delle 29er sono facilmente avvertibili, in modo particolare la scorrevolezza sia sui fondi compatti che su quelli più dissestati, o il grip nelle salite più avare in questo senso, la prova migliore che possiate fare per ricavarne un effettivo riscontro è l’uscire con altri bikers, così da avere subito un riscontro diretto nella comparazione sul campo, specialmente se si tratta dei soliti amici che conoscete molto bene dal punto di vista del rendimento, a meno che non abbiano già una 29er!
Molti sono infatti rimasti sorpresi da come, pur avvertendo una certa pigrizia su pedali e manubrio, stessero di colpo superando gli altri con una sorprendente facilità, impegnandosi nelle salite più tecniche ed indifferenti o quasi a quello che si trovava sotto alle proprie ruote.
Senza esaltarvi, tenete però gli occhi bene aperti nelle curve cieche, visto che potreste anche tamponare violentemente chi vi stava precedendo.

6) NON GIUDICATE SUBITO
In molti si è rimasti sostanzialmente delusi dalla primissima uscita con una full-suspended, arrivando dalla front.
Certo, il comfort ed il maggior controllo nei tracciati tecnicamente impegnativi non erano assolutamente da discutere, ma la prima impressione era stata di una efficienza di gran lunga inferiore a quella garantita da una front nel momento in cui c’era da spingere forte sui pedali. Il tempo ha poi dimostrato il contrario ed oggi la cosa non viene nemmeno più rimessa in discussione (lo sappiamo che c’è chi invece ne discute eccome... ma facciamo finta di non sentirli!).
Con la 29er è sostanzialmente la stessa cosa, perché anche in questo caso quelle che sono delle pure e semplici sensazioni cozzano contro la realtà oggettiva e misurabile. A complicare maggiormente l’adattamento ci si mettono anche le diverse proporzioni, dato che sia l’orizzontale che il carro posteriore sono generalmente più lunghi e bisogna per forza anche imparare da capo la distribuzione del proprio peso tra i due assi, improvvisamente più distanti tra loro.
In altezza si è invece più dentro al mezzo, ma la stabilità offerta da questo rilevante aspetto viene a volte interpretata solo come una minore reattività nella guida. Ci vorrà più tempo che con il passaggio alla full, probabilmente, per un reale adattamento, quindi evitatevi giudizi frettolosi.

7) FRENI PIÙ POTENTI
Maggiore è il diametro ruota e maggiore è il braccio di leva che la gomma in presa sul fondo esercita nei confronti del freno che tenta di rallentare il mezzo. Preferite pertanto diametri disco maggiori e/o pastiglie freno più performanti.

8) PEDALATA ROTONDA
Si spreca molta più energia di quel che si pensi con le microaccelerazioni tipiche di una pedalata poco coordinata nell’arco di rotazione completa delle pedivelle e la cosa si aggrava parlando di 29 pollici, ancora più restie ad accelerare rispetto ad una ruota da 26, a parità di materiali naturalmente.
Il rovescio della medaglia è che poi una ruota più grande mantiene più facilmente la propria in rotazione, richiedendo quindi una fatica inferiore per proseguire sul percorso a velocità costante. Se quindi si accetta di consumare qualche energia in più in accelerazione poi se ne risparmiano molte.
Imparate quindi a girare fluidamente le pedivelle e ne sarete ripagati con gli interessi.

(Non da soli: il miglior modo di valutare la reale differenza in sella ad una 29er è quello di uscire in bici con gli amici di sempre, così da avere un riscontro immediato che vada oltre le “strane sensazioni” che un cambiamento di questa portata potrebbe altrimenti comportare.)

9) FUORISELLA SI PUÒ
Nessuno lo vietava con una 26er, ma in effetti alzandosi sui pedali con la 29er ci si giova del maggior interasse tra le ruote, motivo per il quale lo spostamento del proprio peso sortisce minori rischi di sbilanciamenti e perdite di aderenza.
Anche il manubrio più largo e la risposta mediamente più elastica di ruote e telai aiutano nell’azione, mentre la mancanza di un rapporto sufficientemente corto potrebbe persino rendere obbligatoria la cosa in molti frangenti!

10) PIÙ VELOCI
Come chi pedalando una single-speed ha imparato a frenare il meno possibile, data la fatica che potrebbe costare poi un rilancio in assenza del rapporto più giusto per farlo, alla guida di una 29er è in parte la stessa cosa, ma è in modo particolare la maggior aderenza al suolo a dover essere sfruttata per proiettarsi realmente in una nuova dimensione e spremere quindi a fondo il potenziale ben diverso del mezzo.
Provate allora a perdere un po’ alla volta, e con buon senso naturalmente, il vizio di sfiorare le leve dei freni prima di ogni curva.
Ne rimarrete stupiti ed estasiati!
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma..

Messaggioda BIKER40 il 4 gen 2011, 12:05

http://www.solobike.it/solobike/news/-v ... arte-prima

Interessante il discorso guarniture con rapporti customizzati.
Per fortuna ho acquistato specialized che ha già, da leader di mercato, intelligentemente previsto una guarnitura col 24-38 che dovrebbe rendere il passaggio 26'' vs 29'' più "morbido" anche se sto lavorando moltissimo sulla forza per imparare a spingere più duro.
Purtroppo ci sono problemi con le consegne in Italia e la bike non mi è ancora arrivata.
Non vedo l'ora di provarla...

Saluti.
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma..

Messaggioda BIKER40 il 18 gen 2011, 20:51

Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma..

Messaggioda BIKER40 il 16 feb 2011, 9:55

L'ex fortissimo pro su strada ed ora passato alla MTB Mirko Celestino, dopo i test invernali, ha deciso di correre su bici da 29" per le sue GF.
Da notare che anche per lui guarnitura 38/24.

Saluti.
P.S. la mia ancora non arriva...


Greed 29er, il nuovo cavallo da corsa di Mirko Celestino
Condividi
7


Consegnato direttamente dalle mani dei fratelli Carminati l'inedito gioiello progettato e realizzato da Axevo per Haibike che accompagnerà il vice campione del mondo marathon per tutta la stagione 2011.

Giunto direttamente dalla Liguria, l'azzurro Mirko Celestino si è presentato lunedì mattina al quartier generale di Axevo per la consegna ufficiale della nuovissima mtb con la quale affronterà le emozionanti sfide previste dall'intenso calendario agonistico 2011. Si chiama Greed 29er ed è l'ultimo gioiello ideato da Axevo bikes & components per conto di Haibike con il quale vedremo sfrecciare gli uomini di punta del Team Semperlux Axevo Haibike.

La Greed 29 è un mix esplosivo di progettazione e tecnica che racchiude tutta l'esperienza del brand italiano capace, come sempre, di contraddistinguersi per la maniacale cura della componentistica e dei particolari. Il telaio, in fibra di carbonio unidirezionale, è l'evoluzione del modello X-Team 29er di Axevo migliorato con alcuni accorgimenti che hanno permesso di ottenere maggiore robustezza e rigidità senza aggravarne il peso finale che resta fisso a 1.349 gr. Un prodotto altamente tecnologico che i progettisti Axevo hanno ideato appositamente per la casa tedesca di Haibike fino ad oggi sprovvista di una versione 'racing' per la gamma da 29'. Un modello che è tutt'oggi in fase di progettazione e sarà presto disponibile a catalogo nel corso dell'anno. Geometrie rivolte ad annullare le differenze di guida rispetto una tradizionale 26 e soluzioni tecniche che fanno della Greed un maneggevole mezzo da competizione adatto a tutti i percorsi.

Ma le potenzialità della Greed 29er non si fermano solo al frame. A fare la differenza sono sicuramente i particolari e le caratteristiche personalizzazioni dei componenti che Axevo firma in prima persona grazie alla collaborazione con i principali partner tecnici. Dopo il telaio, si sa, sono le ruote l'organo vitale di una 29' capaci, da sole, a fare la differenza. Ecco dunque che basterebbero gli 'all custom wheels' composti dai leggerissimi cerchi ZTR, dai mozzi Progress e dagli accattivanti sganci KCNC per rendere unica e performante la Greed. Ma Axevo ha fatto di più. Grazie ad un fresco accordo con il marchio Geax la Greed 29er sarà la prima mountain bike a calzare le inedite coperture Geax Mezcal 29'x2.1. Un prototipo messo a disposizione dalla casa italiana anzitempo visto che il suo lancio sul mercato non è previsto prima del 2012.

Il potente e raffinato impianto frenante Marta Sl porta la firma e tutta l'esperienza del colosso Magura mentre l'intera componentistica, dal manubrio all'attacco manubrio, dalle viterie ai nuovissimi kit guaina S.O.S. Carbon, fino ad arrivare alla guarnitura a doppia corona 38-24, godono dell'indiscussa leggerezza e dell'accattivante look made in Italy firmato KCNC. I pedali Xpedo faranno il loro dovere garantendo efficienza d'aggancio in ogni condizione mentre l'importante lavoro di cambiata sarà affidato all'esperienza del marchio Sram con lo stiloso X0 che ben si integra con il 'black racing dress' della Greed 29er.

'Non vedo l'ora di salire in sella per metterla subito alla prova! - è la prima affermazione di Mirko Celestino alla vista della nuova bici - Dopo tre stagioni su una 26' abbiamo fatto dei test durante l'inverno con due modelli 29'di Axevo, sia in alluminio che titanio. Il feeling è stato subito positivo e sono assolutamente convinto degli incredibili vantaggi che si possono avere su qualsiasi tipo di tracciato una volta che geometrie e componentistica sono a posto. La Greed 29er è l'evoluzione tecnologica della X-Team 29er con cui il mio compagno di squadra Andrea Giupponi ha corso in tutta la stagione 2010 ottenendo ottimi risultati quindi non posso che stare tranquillo.'

'A colpo d'occhio mi sembra che oltre ad una linea accattivante - continua Mirko - risalta molto anche la compattezza del telaio, che si avvicina così sempre più alle caratteristiche di una 26', e tutti i particolari sono stati affinati con molta cura. Che dire? Ora non resta che pedalare!'

La Greed 29er di Mirko Celestino non è altro che il modello numero zero dell'intera gamma che a breve verrà messa a catalogo da Haibike e quindi da Axevo, in qualità di rivenditore ufficiale per l'Italia. 'Possiamo definirla un prototipo - ci spiega Enrico Carminati patron, assieme al fratello Mauro, del marchio Axevo - in quanto non è ancora il modello definitivo con il quale Mirko si presenterà agli appuntamenti più importanti. Mancano ancora alcuni speciali allestimenti che stiamo definendo e che saranno pronti a breve. Una volta tutto a posto avremo una bici da 29' di poco sotto i 9 kg, finita e completa.'

Ma se Celestino avrà l'onore di provare per primo e in anteprima questo nuovo gioiello di casa Axevo, non sarà invece l'unico ad avere la fortuna di poterlo sfruttare sui campi di gara più prestigiosi di tutto il mondo. Dopo i suoi compagni di squadra al Team Semperlux Axevo Haibike toccherà a tutti gli appassionati ed affezionati del marchio bergamasco avere la possibilità di salire in sella alla nuova Greed 29er che sarà inserita nel catalogo 2011 di Haibike, e quindi disponibile al pubblico, con questo o altri interessanti allestimenti.
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma..

Messaggioda BIKER40 il 7 mar 2011, 12:53

Ieri Florian Vogel ha vinto la Maremma Cup su MTB scott da 29''.

In questo week end FINALMENTE mi arriva la mia specy da 29''... Almeno dovrebbe...
Telaio i carbonio, canotto thompson, sella in titanio ultraleggera, forcella Rock Shocks REBA custom con valvola brain, guarnitura sram CUSTOM 38/24, RUOTE CUSTOM DT. deragliatore anteriore SRAM XX, posteriore SRAM X0, pacco pignoni X0 da 10 velocità col 36.
Gommata specialized con gomme da 1.9.
Spero di partecipare alla prima gara già domenica prossima.

Saluti.
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma..

Messaggioda BIKER40 il 7 mar 2011, 14:49

Almeno mi sembra una 29''.
Scott e specialized sono state brave a disegnare un telaio molto simile a quello da 26''.
Saluti.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma..

Messaggioda BIKER40 il 10 mar 2011, 9:58

Confermo che Voegel (ed il 20% dei partecipanti Elite alla Maremma Cup) ha gareggiato con bici da 29''.
Al fine di abbassare il manubrio l'ha montato con pipa ad inclinazione negativa (anche sulle 26'' i biker agonisti montano la pipa ad inclinazione negativa) ed in particolare anche la piega manubrio al contrario per guadagnare qualche ulteriore mm verso il basso dato che i telai da 29'' risultano altini sull'avantreno.
Particolare non trascurabile ha montato ruote tubolari della DT dal peso davvero basso. Gonfiate a 2,5 bar. Pertanto molto dure ma ha compensato con una forcella da 100 mm di escursione.
Peso totale della bike 8,5 kg. Davvero basso per una 29'' ma si sa che scott da questo punto di vista è all'avanguardia.

Il compagno di squadra Shurter (2° assoluto) ha gareggiato con lo stesso assetto ma con ruote da 26'' sempre tubolari, ma nel paddock aveva anche la bici da 29'' montata però con ruote con camera d'aria classica.

Ieri mi è arrivata la bici ed oggi me la montavano con le scelte custom che ho descritto sopra. Ma per il futuro prossimo prenderò spunto da queste osservazioni per implementare al massimo la performance.
Per il momento ho rinunciato alla forcella rigida in favore di un'accorciamento della forcella di serie riducendola da 90mm di escursione a 30, tenendo le ruote di serie (per risparmiare, in futuro vedremo) che gonfierò intorno a 2 bar per compensare.

Finalmente sabato spero di provare a pedalare su una 29''.

Saluti.
Angelo.
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma..

Messaggioda BIKER40 il 12 mar 2011, 14:27

Allora prime impressioni.
Prima cosa manubrio troppo largo che il mio ciclista ha consigliato di testare per 2-3 settimane prima di decidere di segare. Oltre a una posizione anomala mi fa sentire leggermente insicuro nei single track. Ho paura di sfiorare qualche albero e perdere l'equilibrio. Intanto lo testo e poi deciderò.
Forcella abbassata fino a 3 cm di gioco totale. Reattivissima non si sblocca neanche con fuori sella violenti, però appena tocca un sasso si sblocca! Valvola "brain" perfettamente funzionante.
Premesso che non sono un fissato del peso, la bici pesa poco più di 10 kg con una caratteristica molto interessante: i pesi sono molto ben distribuiti e la bici staccata da terra sembra pesare meno di quanto in realtà non pesi.

Il peso potrà essere abbattuto con ruote e pneumatici più leggeri e la forcella rigida.
La forcella mi dovrà arrivare, le ruote valuterò la spesa l'anno venturo dove sicuro ci sarà una spinta forte sullo sviluppo di tecnologie sulle 29''. Sarei teso a prendere delle ruote tubolari che si risparmia tantissimo in termini di peso e si guadagna ulteriormente anche in grip.
Qualche grammo lo guadagnerò con il deragliatore anteriore XX al posto dello scadente ma ben funzionante X7 di serie.

Parto e dopo 1 metro buco! Va bè l'ho inaugurata con una spina.
Prime sensazioni che sotto il culo ho una moto. Sensazioni d'ingombro notevoli.
Dalle prime pedalate però si cambia musica. La bici è rigida e abbastanza scattante (non come la pari livello da 26'' però...).
In pianura mi sono messo fisso ad una velocità di crociera (in riscaldamento) di 33-34 km/h. Impressionante a dir poco. La bici fila via che è un godimento.
Unico problema trovare il rapporto di pedalata giusto con il 38 avanti e il ventaglio ampio di 10 velocità dietro che offre tanto ma tra una scelta e quella successiva spesso si agilizza troppo (o indurisce se si vede al contrario).
Dopo queste prime impressioni molto positive con un amico sono andato a provare un percorso off-road con più o meno tutto: stradoni, fango, single track e discese pietrose.
Ho le ruote molto gonfie (a 2,5 atm) ma decido di testare così per vedere. Poi domani sgonfio a 2 atm per la gara.
Sugli stradoni va tanto forte dopo averla lanciata va da sola, si fa molta meno fatica.
Sui single track la bici è molto più agile di quanto si pensi. Da testare ancora.
In salita... Uno spettacolo della natura. Ti alzi sui pedali e nonostante la ruota molto gonfia è attaccata a terra!!! Data la mia leggerezza non mi sono mai potuto alzare sui pedali senza perdere completamente aderenza.
Discese pietrose... Manco le sente!!!! Va giù come galleggiasse e la forcella aiuta eccome.
Un piacere infinito che neanche mi sono accorto di stare esagerando con i km.
La cosa che mi ha sconvolto di più è che con il 36 dietro e con la possibilità di alzarmi sui pedali anche sullo sconnesso, per tutta l'uscita anche sui tratti al 20-25% sconnessi non ho mai tolto il padellino avanti. Mai messo il 24 neanche per prova.
Questo è stato il primo assaggio, domani se andrò alla XC la testerò su un percorso VERO. Mi hanno riferito di strappi terribili e fango.
Non mi aspetto di fare risultato certamente con una bici nuova neanche settata al meglio.

Saluti.
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma..

Messaggioda BIKER40 il 13 mar 2011, 12:57

Oggi test davvero probante.
XC in provincia di Terni davvero tecnico con pioggia. Percorso che per le mie gare di duathlon non esiste proprio.
Tratti scorrevoli ma soprattutto una serie di tratti molto tecnici sia veloci che lenti. Strappi duri scivolosi.
Ho peccato d'inesperienza gonfiando troppo le ruote. La bici se a cava dappertutto, più giri passavano più mi sentivo a mio agio. Al 2° giro mi sono fermato 2 volte per sgonfiare ad occhio i pneumatici e dopo la bici andava bene dappertutto. Sulle rocce gli ostacoli li passa molto bene e nei single track tutto sta a capire bene le traiettorie ed appoggiarsi ove possibile e fare scorrere la bici che è un treno.
Ma il meglio di se lo da sugli stradoni, una volta presa velocità non la ferma più nessuno. Il ruotone facilita con la sua inerzia una rotondità di pedalata impressionante. Questo permette all'atleta di faticare molto meno a parità di velocità.
Problema grosso le partenze affollate dove è un problema rimanere avanti. La bici da il meglio di se quando ha preso velocità.

Problema non da poco trovare la soluzione giusta con le ruote. Pressione ed assetto della forcella.
Con la pressione bassa si rischia di bucare, allora la soluzione potrebbe essere tubless o tubolari.

Saluti.
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma..

Messaggioda BIKER40 il 14 mar 2011, 15:34

Ho consultato alcuni guru della MTB con grande esperienza con le 29''.
In particolare un atleta/rivenditore che conosce bene le caratteristiche della mia bici mi ha confessato che la bici è nel complesso una bici ottima, l'unico particolare negativo sono proprio le ruote che sarebbero assolutamente da sostituire.
Dice che già togliendo 500 gr. dalle ruote andrei sensibilmente più forte.
Mi ha pure consigliato di riportare la forcella almeno a 70 mm di gioco perchè con 30mm altero la geometria originale.
Anche per il manubrio ha confermato le mie sensazioni e mi consigliava di tagliarlo a 66 cm e poi anche 64 cm.

Ora devo trovare un buon compromesso qualità/prezzo per ruote tubeless o tubolari.
Le spese non finiscono mai...

Saluti.
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: MTB con ruote da 26'' o da 29''... Questo è il dilemma..

Messaggioda BIKER40 il 24 mar 2011, 9:27

Ho trovato un amico che vende una coppia di ruote da 29'' usate ma praticamente nuove (4-5 uscite).
Sono delle FRM URANO PRO dal peso di 1600 gr la coppia montante già con dei copertoni maxis.
Se le toglie perchè è passato ad una coppia di ruote assemblate da 1500 gr. con cerchi ZTR CREST con i quali dice di trovarsi molto bene.
Con queste ruote ed utilizzando copertoni latticizzati scenderei a più o meno 9,5 kg che non sarebbe affatto male per una 29'' con forcella ammortizzata.
A questo punto, avendo i tubeless, posso anche pensare di poter correre con forcella rigida scendendo almeno un altro mezzo kilo ed oltre.

Il prezzo di listino delle ruote è di 652 euro mi ha chiesto in prima trattativa 400 euro con i copertoni. Vediamo quanto spunto. Se scende a 350 me le prendo sicuramente.
Il vantaggio delle FRM è che sono già tubless ready pertanto non hanno bisogno di grandi manipolazioni ed il cerchio già si adatta bene ai copertoni tubeless. Hanno anche un adattatore che incastra i dischi senza le viti.
Poi basta aggiungere un pacco pignoni e i dischi (altri 100 euro) che avrei 2 coppie di ruote, una per gli allenamenti e le gare dove reputo di poter correre con le camere d'aria (gare super veloci) e l'altra coppia per gare più tecniche e gare dove non voglio rischiare bucature.

Saluti.
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Prossimo

Torna a Sport

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti