Sindrome metabolica

Meditazione, controllo dello stress e benessere in generale.
Regole del forum
Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo: non sono riferibili né a prescrizioni né a consigli medici. Leggi il regolamento del forum

Re: Sindrome metabolica

Messaggioda BIKER40 il 30 nov 2012, 9:51

(30-11-12) Sitting for extended periods doubles risks from diabetes, heart disease and early death

by John Phillip

(NaturalNews) Health-conscious individuals are well aware that moderate levels of physical activity are essential to promote health, especially when combined with proper diet, supplementation when necessary and lifestyle changes such as smoking cessation and avoiding chemical and household carcinogens. Recent research suggests 30 to 45 minutes of moderate intensity exercise at least five days per week to help prevent chronic illnesses.

Researchers from the University of Leicester in England have published the findings of a study in the journal Diabetologia that has discovered that sitting for long periods increases your risk of diabetes, heart disease and death. It is important to make the distinction between regular physical activity and long periods of sitting. Both are now considered to be independent factors in the development of vascular and metabolic diseases that lead to a shortened lifespan.
Stand or walk briefly to break extended periods of sitting to lower chronic disease risks
To evaluate data on sedentary behavior and disease risk, the study authors analyzed the results of 18 studies including a total of 794,577 participants. The scientists found the results were independent of the amount of moderate-to-vigorous physical activity undertaken, suggesting that even if an individual meets typical physical activity guidelines, their health may still be compromised if they sit for long periods of time throughout the day.

The lead study author Dr. Emma Wilmot noted "The average adult spends 50-70% of their time sitting so the findings of this study have far reaching implications. By simply limiting the time that we spend sitting, we may be able to reduce our risk of diabetes, heart disease and death." People with sedentary jobs or aging adults that sit for long periods are well advised to take short breaks from sitting. Standing or taking a brief, non-intensive walk should be sufficient to lower the vascular and metabolic risks of sitting for extended periods.

The study authors concluded "There are many ways we can reduce our sitting time, such as breaking up long periods at the computer at work by placing our laptop on a filing cabinet. We can have standing meetings, we can walk during the lunch break, and we can look to reduce TV viewing in the evenings by seeking out less sedentary behaviors." The scientists determined that the most consistent association with extended sitting was increased risk of diabetes, and theorized that it may be related to overweight or obesity from lack of physical activity.

Sources for this article include:

http://www.springerlink.com/content/x8g2407126q581u0/
http://www.eurekalert.org/pub_releases/ ... 101112.php
http://www.sciencedaily.com/releases/20 ... 090048.htm
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: Sindrome metabolica

Messaggioda BIKER40 il 10 dic 2012, 13:17

Una strage...

(10-12-12) Ogni anno in Italia 100 mila morti per infarto

Roma, 31 ott. (Adnkronos Salute) - In Italia ogni anno ci sono 100 mila persone che perdono la vita a causa dell'infarto, una delle manifestazioni più gravi delle patologie cardiovascolari. Il dato è stato sottolineato oggi all'azienda ospedaliera San Giovanni di Roma, dove è stato presentato il Centro ricerche della Fondazione onlus lotta contro l'infarto.
In assoluto, le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morbosità, invaliditá e mortalità della popolazione. Per le malattie del cuore, in Italia ci sono 224 mila decessi all'anno: 98 mila uomini e 126 mila donne. Le malattie del sistema circolatorio determinano il 38,8% del totale dei decessi.
"Numeri allarmanti - afferma Francesco Prati, presidente del Centro - che impongono di ampliare gli orizzonti della conoscenza scientifica per comprendere i meccanismi che scatenano l'infarto. Con l'apertura del Centro - conclude - ci poniamo l'obiettivo di migliorare l'attività di prevenzione, diagnosi e cura dei pazienti".

Fonte: Quotivadis
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: Sindrome metabolica

Messaggioda BIKER40 il 14 dic 2012, 9:00

(14-12-12) Obesity and lack of sleep boost risk for insulin resistance, metabolic syndrome and diabetes

by John Phillip

(NaturalNews) There should be no doubt that the skyrocketing rates of
overweight and obesity that have become so prevalent over the past half century
are damaging the health and lives of millions around the western world. Excess
weight typically raises blood pressure leading to cardiovascular disease and
death, and causes metabolic dysfunction resulting in insulin resistance and
diabetes. Processed and refined foods developed in a factory are packed with
fast-release carbohydrates, sugars and hydrogenated fats and are the root cause
of many chronic diseases and early mortality.

The length and quality of sleep is also emerging as a critical factor
underlying the tendency toward obesity and insulin metabolism. Researchers from
the University of Chicago have published the result of a study in the Annals of
Internal Medicine that explains how not getting enough shut-eye has a harmful
impact on fat cells, reducing their ability to respond to insulin by 30
percent, a hormone that regulates energy.

Fewer than seven hours of sleep each night significantly increases insulin
resistance
In past research works, scientists have found that sleep deprivation has long
been associated with impaired brain function, causing decreased alertness and
reduced cognitive ability. In this study, researchers describe a molecular
mechanism directly connecting sleep loss to the disruption of energy regulation
in humans, a process that can lead over time to weight gain, diabetes and other
health problems.

Lead researcher, Dr. Matthew Brady noted "Many people think of fat as a
problem, but it serves a vital function... in storage mode, fat cells remove
fatty acids and lipids from the circulation where they can damage other
tissues. When fat cells cannot respond effectively to insulin, these lipids
leach out into the circulation, leading to serious complications." The team
recruited seven young volunteers, six men and one woman. Each slept soundly for
eight and one-half hours on four consecutive nights, and then 30 days later,
sleep was limited to four and one-half hours. Foods was carefully monitored and
controlled.

After testing for cellular insulin resistance, the researchers found that
after four nights of short sleep, total-body insulin response decreased by an
average of 16 percent, and insulin sensitivity decreased by 30 percent. The
authors concluded "Sleeping four to five hours a night, at least on work days,
is now a common behavior... we found that seven out of seven subjects had a
significant change in insulin sensitivity. They are not tolerating the
metabolic consequences." Short sleep schedules, especially as experienced by
many during a busy work week, is detrimental to health and is a mitigating
factor in metabolic syndrome leading to diabetes.

Sources for this article include:

http://annals.org/article.aspx?articleid=1379773
http://www.sciencedaily.com/releases/20 ... 170822.htm
http://www.lef.org/news/LefDailyNews.ht ... on=Disease
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: Sindrome metabolica

Messaggioda BIKER40 il 14 dic 2012, 9:04

(14-12-12) Sclerosi multipla, danni cognitivi più gravi in uomini

Sei anni dopo la diagnosi di sclerosi multipla, quasi tutte le strutture subcorticali ne risultano affette e i livelli cognitivi sono colpiti con maggiore gravità nei pazienti di sesso maschile. È il risultato di uno studio condotto da ricercatori olandesi (università di Amsterdam) e brasiliani (università federale di Rio de Janeiro), che mostra la rilevanza genere-specifica dell’atrofia nella sclerosi multipla. Gli autori hanno effettuato valutazioni neurofisiologiche e sottoposto a risonanza magnetica strutturale 120 pazienti (tra cui 80 donne) con sclerosi multipla diagnosticata sei anni prima e 50 soggetti sani (30 donne) che hanno formato il gruppo di controllo. Nella maggior parte dei pazienti esaminati, i volumi di materia grigia si sono ridotti, ma in misura maggiore tra i soggetti di sesso maschile con un calo medio dell’11%, mentre nelle donne sono diminuiti del 6,3%. Alcune strutture sono rimaste immuni dall’atrofia e non hanno mostrato differenze rispetto agli individui appartenenti al gruppo di controllo: tra gli uomini, bilateralmente l’ippocampo e l’amigdala e il nucleus accumbens nell'emisfero destro; tra le donne, bilateralmente, l’amigdala e il putamen. La differenza tra i sessi è stata notevole: tutti i domini cognitivi sono risultati coinvolti negli uomini, a eccezione della memoria visuospaziale, ma nessuno in maniera significativa nelle donne. Oltre che al genere, i danni cognitivi sono apparsi correlati al volume del talamo e al livello di scolarità, ma non al volume delle lesioni.

Source: Neurology, 2012; 79(17):1754-61
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: Sindrome metabolica

Messaggioda BIKER40 il 16 dic 2012, 14:30

(16-12-12) Con sindrome metabolica aumenta rischio di gonartrosi

L’accumulo delle componenti cliniche della sindrome metabolica è correlato sia
all’insorgenza sia alla progressione dell’osteoartrosi del ginocchio, secondo
un’analisi realizzata da ricercatori dell’Università di Tokio. I dati
provengono da uno studio sulla popolazione di grandi dimensioni chiamato Road
(Research on osteoarthritis/osteoporosis against disability), attraverso il
quale sono stati selezionati per un ulteriore approfondimento 1.384 persone,
residenti in regioni costiere o montuose del Giappone. I ricercatori hanno
controllato nei partecipanti la presenza degli elementi caratterizzanti la
sindrome metabolica, come il sovrappeso, la dislipidemia, l’ipertensione e la
ridotta tolleranza al glucosio. L’incidenza cumulativa di osteoartrosi al
ginocchio durante i tre anni di follow-up è stata del 3,3% all’anno e la
progressione, verificata con il sistema radiografico di gradazione di Kellgren-
Lawrence per ciascun ginocchio, è stata dell’8% all’anno. Eliminata l’influenza
di altri potenziali fattori di rischio, l’analisi statistica ha mostrato che il
rischio relativo di insorgenza di osteoartrosi di ginocchio aumenta in modo
significativo in funzione della presenza di componenti della sindrome
metabolica: una componente si associa a un Odds Ratio di 2,33; con due
componenti si sale a un OR di 2,82 e con tre o più componenti a 9,83. Anche la
progressione dell’osteoartrosi ne risulta influenzata e il rischio relativo è
rispettivamente di 1,38, 2,29 e 2,80 a seconda che vi siano una, due o almeno
tre componenti della sindrome metabolica. La prevenzione della sindrome
metabolica, concludono gli autori, può dunque contribuire anche a ridurre il
rischio futuro di gonartrosi.

Fonti:
Osteoarthritis Cartilage, 2012; 20(11):1217-26
doctornews33
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: Sindrome metabolica

Messaggioda BIKER40 il 7 gen 2013, 16:31

(07-01-13) Diabete in aumento tra le donne


Il diabete è in aumento ovunque nel mondo a un ritmo incessante e, solo in Italia, l'Istat (dati 2011) registra che ne soffre il 4,9% della popolazione. A inizio secolo la percentuale si fermava sotto il 3. Si stima poi un altro 3% di sommerso, specie al Sud.
Il rapporto del Gruppo donna dell'Associazione Medici Diabetologi (Amd), stima che oltre un milione e mezzo di donne italiane siano diabetiche. La fotografia al femminile rivela pure che, rispetto al sesso forte, l'età media è più alta: 68,4 anni contro i 65,7 dei maschi, che la malattia dura da più tempo (11 anni contro i 10 degli uomini), e che la condizione femminile è penalizzata anche sul fronte obesità: le donne oversize sono il doppio rispetto agli uomini gravemente obesi (18,8 contro 10,1%o). Ma anche il controllo della malattia è meno soddisfacente, dal momento che il 58% delle donne rispetto al 54 degli uomini non riesce a raggiungere una buona condizione metabolica (HbAc1 superiore al 7%, colesterolo e pressione più elevate). «Pur se non drammatici, questi dati fanno riflettere - commenta Valeria Manicardi, consigliere del Gruppo Donna - una diabetica ha un rischio maggiore di infarto di 3-5 volte, rispetto a una coetanea non diabetica».
L'ambiente lavorativo e il profilo sociale incidono anch'essi sul diabete. L'ipotesi la fa uno studio condotto dal dipartimento-diabete dell'università di Lisbona, secondo cui le persone affette da diabete, consapevoli e interessate alla propria malattia, e senza conflittualità sul posto di lavoro, avrebbero un miglior controllo della glicemia e, quindi, metabolico. D'altronde, la conferma del diabete espressione di una patologia "sensibile" al background socio-economico, risulta anche dalle conclusioni dello studio sul confronto tra un gruppo di pazienti residenti in zona rurale e un altro appartenente all'area urbana: coordinato dall'équipe di Christelle Burnot del service d'Endocrinologie dell'università di Clermont Ferrand fa emergere una condizione penalizzante per gli abitanti di aree isolate, di fatto curate meno e peggio.

Fonte: edott.it
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: Sindrome metabolica

Messaggioda BIKER40 il 16 gen 2013, 9:04

Tutte le malattie legate alla sindrome metabolica in ascesa. Vita media più alta.
Le case farmaceutiche si fregano le mani...

(16-01-13) Ecco i risultati di un colossale studio epidemiologico


Lo studio Global burden of disease, pubblicato su The Lancet è uno dei
progetti più complessi che la ricerca medica ha prodotto negli ultimi anni.
Lanciato nel 2007, è frutto del lavoro di 486 scienziati di 50 Paesi,
appartenenti a 302 diversi istituti di ricerca. L'elaborazione dei risultati ha
richiesto la messa a punto di nuovi strumenti statistici, per integrare le
informazioni da moltissime fonti: dai certificati di morte alle schede di
dimissioni degli ospedali, da sondaggi e censimenti nazionali fino ai rapporti
della polizia.

Lo scopo di questo colossale studio è capire come sono cambiate le malattie
negli ultimi decenni, individuare quelle che uccidono di più, o che
compromettono maggiormente il nostro benessere, e fornire dati a chi dovrà
programmare le politiche sanitarie del futuro. Tirando le somme il bilancio è
positivo: si vive di più (dal 1970 al 2010 si sono guadagnati oltre 10 anni di
vita media) e flagelli come fame e malattie legate alla miseria colpiscono meno
di un tempo. Il rovescio della medaglia è che condizioni come obesità e
ipertensione sono diffuse ormai anche nei Paesi in via di sviluppo. Nella
classifica delle malattie che più compromettono la salute dell'umanità, al
primo posto c'è l'infarto, che era quarto nel 1990, mentre l'ictus guadagna 2
gradini ed è al terzo posto, avendo sorpassato la diarrea. Il diabete balza in
avanti di 7 posti e, oggi 14°, è ormai a un passo dalla tubercolosi. La
lombalgia supera la malaria e gli incidenti stradali, mentre la depressione
sale in 11° posizione, guadagnandone 4. Un adulto su sei è ucciso dal cancro e,
nelle fasce più anziane, il morbo di Alzheimer ha triplicato la mortalità e
quello di Parkinson l'ha raddoppiata.

Il nuovo obiettivo di salute globale non è arrivare a vivere 120 anni, ma
invecchiare con un livello di benessere accettabile.

Fonte: edott.it
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: Sindrome metabolica

Messaggioda BIKER40 il 21 gen 2013, 10:23

(21-01-13) Sempre più alte le spese a carico dei pazienti cronici


I malati cronici in Italia spendono di tasca loro sempre più per curarsi. Il
dato emerge dal Rapporto sull'accesso all'assistenza farmaceutica di
Cittadinanzattiva- Tribunale per i diritti del malato.

«I diversi correttivi effettuati sulla spesa farmaceutica hanno notevolmente
inciso sulle tasche degli italiani. I cittadini sono preoccupati e indignati
per l'aumento del costo dei ticket, e per il costo dei farmaci in fascia C e
quelli in fascia A», sintetizza Giuseppe Scaramuzza, coordinatore nazionale del
Tdm. Per un malato cronico, ad esempio, la spesa media annuale per l'acquisto
di farmaci necessari e non rimborsati dal Ssn si stima attorno a 1.227 euro -
denuncia l'associazione in base ai rapporti 2012 Pit Salute e Politiche delle
cronicità - e quella per l'acquisto di parafarmaci è in media di 1.297.

«L'assistenza farmaceutica - rileva il Tdm - è uno degli ambiti del nostro
Servizio sanitario nazionale che negli anni è stato ed è oggetto di numerosi
interventi che, con il dichiarato obiettivo di razionalizzazione, hanno in
realtà inciso profondamente sulla disponibilità delle cure».


Fonte: edott.it
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: Sindrome metabolica

Messaggioda BIKER40 il 31 gen 2013, 8:51

Per diabetici di tipo 1 meglio fare pesi piuttosto che attività aerobica.


(31-01-13) Resistance Versus Aerobic Exercise: Acute effects on glycemia in type 1 diabetes.

Yardley JE, Kenny GP, Perkins BA, Riddell MC, Balaa N, Malcolm J, Boulay P,
Khandwala F, Sigal RJ.
Source
Human and Environmental Physiology Research Unit, University of Ottawa,
Ottawa, Ontario, Canada.
Abstract
OBJECTIVEIn type 1 diabetes, small studies have found that resistance exercise
(weight lifting) reduces HbA(1c). In the current study, we examined the acute
impacts of resistance exercise on glycemia during exercise and in the
subsequent 24 h compared with aerobic exercise and no exercise.RESEARCH DESIGN
AND METHODSTwelve physically active individuals with type 1 diabetes (HbA(1c)
7.1 ± 1.0%) performed 45 min of resistance exercise (three sets of seven
exercises at eight repetitions maximum), 45 min of aerobic exercise (running at
60% of Vo(2max)), or no exercise on separate days. Plasma glucose was measured
during and for 60 min after exercise. Interstitial glucose was measured by
continuous glucose monitoring 24 h before, during, and 24 h after exercise.
RESULTSTreatment-by-time interactions (P < 0.001) were found for changes in
plasma glucose during and after exercise. Plasma glucose decreased from 8.4 ±
2.7 to 6.8 ± 2.3 mmol/L (P = 0.008) during resistance exercise and from 9.2 ±
3.4 to 5.8 ± 2.0 mmol/L (P = 0.001) during aerobic exercise. No significant
changes were seen during the no-exercise control session. During recovery,
glucose levels did not change significantly after resistance exercise but
increased by 2.2 ± 0.6 mmol/L (P = 0.023) after aerobic exercise. Mean
interstitial glucose from 4.5 to 6.0 h postexercise was significantly lower
after resistance exercise versus aerobic exercise.CONCLUSIONSResistance
exercise causes less initial decline in blood glucose during the activity but
is associated with more prolonged reductions in postexercise glycemia than
aerobic exercise. This might account for HbA(1c) reductions found in studies of
resistance exercise but not aerobic exercise in type 1 diabetes.


Source: Diabetes Care. 2012 Nov 19. [Epub ahead of print]
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: Sindrome metabolica

Messaggioda Omega il 1 feb 2013, 13:21

Scientists Identify Culprit in Obesity-Associated High Blood Pressure
Jan. 31, 2013 — Researchers have described a key mechanism responsible for the brain's regulation of obesity-associated disease.

Obesity and its related conditions such as type 2 diabetes, cardiovascular disease and stroke are among the most challenging of today's healthcare concerns. Together, they constitute the biggest killer in western society. New findings, published in Cell, have identified a target that could hold the key to developing safe therapies to treat obesity and its associated conditions.
Although recent research has begun to unravel some of the pathways that control how information is processed by our nervous system regulating body weight and cardiovascular function, the exact mechanisms through which signals are sensed by the brain and translated into co-ordinated metabolic and cardiovascular responses remain unclear.
A University of Bristol team, with funding from the British Heart Foundation (BHF), has now identified that a target found to be critical in the brain's regulation of body weight, is also crucially involved in the development of obesity-associated conditions. Researchers describe the mechanism behind a key molecule, known as melanocortin-4-receptor (MC4R), whose mutation or loss in both human and animal models has shown to cause severe obesity with type 2 diabetes.
While previous studies have shown that small activators of the molecule, which increase MC4R activity, have the desirable effect of reducing food intake and insulin secretion from the pancreas (important to suppress the development of type 2 diabetes), it is not clear how, at the same time, they trigger the undesirable effect of increasing blood pressure.
The team has now identified a mechanism for MC4R-mediated regulation of the activity of the autonomic nervous system to maintain appropriate blood pressure and insulin levels. The autonomic nervous system, which regulates internal organs and processes that are not under our control, is split into the parasympathetic and sympathetic nervous system, commonly exerting opposing influences on the structures they supply with nerves.
Researchers demonstrated that the activation of the MC4R inhibits parasympathetic neurons in the brain stem area of the central nervous system (CNS), while activating sympathetic neurons in the spinal cord. The team further demonstrates, in genetically-modified mouse models of human loss of MC4R function, that MC4Rs in these CNS areas are to blame for the development of obesity-induced increases in blood pressure.
They also report that MC4Rs in these CNS areas are pivotal in maintaining appropriate insulin levels to stave off type 2 diabetes. Thus, by carefully balancing positive and negative forces on the autonomic nervous system, the MC4R maintains equilibrium of appropriate blood pressure and insulin levels. This is independent of the MC4R's role in the regulation of food intake elsewhere in the CNS.
MC4R is a target of intense pharmaceutical interest and the data from this research helps in our understanding of the CNS mechanisms regulating homeostatic body weight, blood pressure and insulin levels through a distributed network of MC4Rs. These findings may facilitate the development of appropriate, safe therapies to treat obesity and its associated conditions.
Dr Nina Balthasar, one of the study's lead authors and a researcher in the University's School of Physiology and Pharmacology, said: "Obesity is a major risk factor for cardiovascular disease with recent statistics showing that obese adults are three to four times more likely to develop high blood pressure.
"In order to curb the escalating incidence of obesity and obesity-related diseases, a primary prevention goal must be to understand the physiological processes underlying our vulnerability to weight gain -- knowledge that is central to the development of novel, effective therapies.
Our data illustrate the complexity of the CNS pathways governing the body's metabolic balance and highlight the challenges ahead for the development of safe therapies. "
Dr Shannon Amoils, Research Advisor at the BHF, which part-funded the study, added: "This research increases our understanding of how the nervous system affects our metabolism, and the development of high blood pressure due to obesity. With further knowledge of this complex area we hope scientists will be able to find safe and effective ways of treating obesity-related heart and circulatory disorders."
The British Heart Foundation and Lister Institute for Preventive Medicine-funded study, entitled 'Melanocortin-4-Receptors Reciprocally Regulate Sympathetic and Parasympathetic Preganglionic Neurons' is published in Cell on 31 January 2013.

http://www.sciencedaily.com/releases/20 ... oo%21+Mail
«Qualunque cosa tu possa fare o sognare di fare, incominciala! L’audacia ha in sé genio, potere e magia» (Goethe)
Avatar utente
Omega
Advanced Member
Advanced Member
 
Messaggi: 887
Iscritto il: 18 gen 2013, 13:05

Re: Sindrome metabolica

Messaggioda BIKER40 il 7 mar 2013, 8:56

(07-03-13) Scoperto il segreto del diabete nascosto nel fegato


Elevati livelli della proteina Rankl aumentano il rischio di sviluppare il diabete II: fondamentale spegnere l'infiammazione
L’infiammazione del fegato sempre più sembra l’innesco di altre importanti malattie. Anche degenerative. Già la si deve “bloccare” per prevenire danni al fegato stesso, fino al tumore. Ma ora sembra anche causa del diabete di tipo II. Una proteina in particolare, e quindi il gene che la esprime, è nel mirino dei ricercatori. Si chiama Rankl (Rank ligand). E’ una citochina (proteine chiave nei meccanismi infiammatori) appartenente alla stessa famiglia del Tumor necrosis factor (Tnf). Funziona legandosi al suo recettore Rank, presente sulla superfiche delle cellule del fegato e su quelle beta del pancreas (le produttrici dell’ormone insulina, il cui squilibrio è causa del diabete).
LA REAZIONE - Rankl è la «chiave» che apre il suo recettore (serratura) sulla cellula: aprendo la serratura, attiva un’altra proteina (la Nuclear factor B) interna alla cellula che a sua volta ordina l’attivazione di geni che innescano la reazione a catena dell’infiammazione. Ed è proprio questa reazione a provocare insulino-resistenza nel fegato e apoptosi (cioè la morte) delle cellule beta pancreatiche. Ed è questa la scoperta frutto di ricerche condotte nell’arco di una ventina d’anni da vari gruppi europei, compresi gli italiani dell’ospedale di Brunico (Bolzano) e delle università di Verona e Cattolica del Sacro Cuore (Roma). Lo studio finale è stato pubblicato on line first sulla rivista Nature Medicine. Finale perché è arrivato a scoprire il segreto del diabete nascosto nel fegato, ma soltanto iniziale per quanto riguarda le ricadute: prevenire, per esempio, il diabete di tipo II.
L'INFIAMMAZIONE - In sintesi, «spegnere» l’infiammazione delle cellule del fegato per evitare il diabete. L’osservazione chiave è stata fatta sulla popolazione di Brunico (Bolzano): ad elevate concentrazioni nel sangue di Rankl corrispondeva un’alta possibilità di sviluppare nel tempo diabete di tipo II. Un modo per predire la malattia in chi non ne aveva segnali. «Rankl è una proteina che svolge un ruolo importante nei processi di infiammazione presenti in malattie come l'artrite reumatoide e quella psoriasica – dice Enzo Bonora, università di Verona, presidente eletto della Società italiana di diabetologia (Sid) – gli stessi processi di infiammazione sono coinvolti nello sviluppo del diabete e delle malattie cardiovascolari».
IL MECCANISMO - Bloccando Rankl nell’organismo e nel fegato in topi da esperimento diabetici, i ricercatori hanno ottenuto un miglioramento della sensibilità insulinica a livello del fegato e dunque un calo della glicemia. Queste importanti scoperte sono state ottenute grazie a collaborazioni con ricercatori dell'università di Innsbruck in Austria, di Cambridge in Inghilterra, e di Harvard negli Stati Uniti. La popolazione di Brunico presa in esame fa parte di un ampio campione studiato, dal 1990, per valutare i fattori di rischio delle malattie metaboliche e cardiovascolari. I medici dell'ospedale di Brunico, in collaborazione con ricercatori di Innsbruck e di Verona, hanno scoperto che le persone che hanno una maggiore quantità di proteina Rankl nel sangue hanno un maggiore rischio di sviluppare il diabete. Elevate concentrazioni di Rankl conferiscono un aumento del rischio pari al 300-400% di ammalarsi di diabete. In seguito, Andrea Giaccari della Cattolica e i suoi ricercatori hanno dimostrato una correlazione tra elevate concentrazioni di Rankl e una maggiore insulino-resistenza. «In condizioni normali – spiega Giaccari – l’insulina serve a far entrare il glucosio (zucchero) nelle cellule. In alcune situazioni (obesità, sedentarietà, infiammazione cronica) le cellule del nostro corpo, in particolare dei muscoli e del fegato, tendono a rifiutare l’ingresso del glucosio nella cellula, facendolo restare nel sangue. Il pancreas, per evitare che salga la glicemia, comincia a produrre più insulina, spingendo l’eccesso di glucosio nelle cellule del grasso (adipose). Questa condizione di glicemia normale ed insulina alta viene definita insulino-resistenza, in grado di generare ulteriore infiammazione e, in alcuni casi, diabete».
MALATTIE CARDIOVASCOLARI - Livelli elevati di Rankl si riscontrano anche nelle malattie cardiovascolari, nelle fratture, nel mieloma multiplo, nell’artrite reumatoide, nella psoriasi, nell’osteoporosi e nelle malattie infiammatorie intestinali. Di recente è stato approvato un farmaco anti-Rankl, il denosumab, per il trattamento dell’osteoporosi nelle donne in menopausa e per il trattamento di metastasi ossee da alcune forme tumorali. Un altro farmaco, l’amlexanox, diretto contro due citochine infiammatorie, e utilizzato in Giappone per il trattamento dell’asma e per le afte della bocca, è stato provato su topi diabetici facendo calare la glicemia. Al momento sono stati avviati numerosi studi sugli animali, con farmaci anti-Rankl, per curare-prevenire il diabete di tipo 2. Il prossimo passo? Gli studi sull’uomo.
Mario Pappagallo@Mariopaps

Fonte: Corriere.it
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: Sindrome metabolica

Messaggioda BIKER40 il 12 mar 2013, 10:19

(12-03-13) Diabete e prediabete: i parametri per fare lo screening

Indice di massa corporea (Bmi), pressione arteriosa sistolica ed età. Ecco i tre parametri più utili ed economici per individuare i soggetti ad alto rischio di diabete e prediabete, secondo uno studio pubblicato su Diabetes care
Indice di massa corporea (Bmi), pressione arteriosa sistolica ed età. Ecco i tre parametri più utili ed economici per individuare i soggetti ad alto rischio di diabete e prediabete, secondo uno studio pubblicato su Diabetes care dai ricercatori della Duke university school of medicine di Durham, North Carolina. Dice Ranee Chatterjee, internista e coordinatrice dello studio: «L’approccio più economico sembra essere quello di sottoporre a screening le persone di età maggiore di 55 anni che hanno un Bmi superiore a 35 e/o una pressione sistolica superiore a 130. Il test di screening meno costoso in questi gruppi ad alto rischio si è rivelato la glicemia misurata dopo il cosiddetto minicarico orale di glucosio (Gct), simile al test da carico orale di glucosio (Ogtt), ma senza digiuno preventivo e fatto somministrando solo 50 grammi di zucchero orale». Riconoscere e trattare precocemente diabete e prediabete può tradursi in un risparmio, specie nei pazienti con almeno un fattore di rischio. «Questo studio indica inoltre che il Gct seguito, se patologico, da un Ogtt è il modo migliore per risparmiare sui costi» spiega l’internista. Lo studio della Duke ha utilizzato diversi test di screening in 1.573 adulti senza diagnosi di diabete o pre-diabete: Gct, una glicemia ematica o capillare oppure l’emoglobina glicata. I test sono stati eseguiti in momenti diversi della giornata, non a digiuno. Gli individui risultati positivi sono stati sottoposti a un Ogtt con 75 grammi di glucosio. «I test non a digiuno sono meglio tollerati dai pazienti, in quanto possono essere eseguiti in qualsiasi momento durante una visita ambulatoriale» spiega Chatterjee. Le valutazioni dei costi hanno considerato quelli diretti associati ai test, quelli dei falsi negativi e dei veri positivi, nonché quelli del trattamento di diabete e prediabete con metformina generica. Utilizzando le linee guida dell’American Diabetes association, i ricercatori statunitensi hanno scoperto una disglicemia nel 35 per cento degli individui oltre 55 anni, con indice di massa corporea superiore a 35, e con una pressione sistolica di 130: «Nel complesso, effettuare lo screening è meno costoso che non farlo, con costi sanitari su tre anni di 216 mila dollari con il Gct, 230 mila con l’emoglobina glicata e 242 mila per i soggetti non sottoposti a screening» dice l’internista. Ma Richard Grant, presidente del Comitato di pratica professionale dell'American Diabetes association, non è d’accordo: «Il Gct seguito dall’Ogtt non è una pratica clinica comune e inoltre questo metodo di screening non considera la tecnica più semplice di tutte, la glicemia a digiuno».

Fonti:
Diabetes Care. 2013 Feb 7. [Epub ahead of print
doctornews33
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: Sindrome metabolica

Messaggioda BIKER40 il 23 mar 2013, 12:06

(23-03-13) Il diabete 2 è ringiovanito!?

L'American Academy of Pediatrics (AAP) ha convocato una Sottocommissione per
stilare le linee guida sulla gestione del diabete di tipo 2 di nuova diagnosi
nei bambini e negli adolescenti.

In sintesi

Con il supporto degli esperti dell’American Diabetes Association, Pediatric
Endocrine Society, American Academy of Family Physicians e Academy of Nutrition
and Dietetics (già American Dietetic Association) i pediatri americani hanno
avvertito l’esigenza di rinnovare le linee guida per il trattamento del diabete
mellito di tipo 2 (DM2) nei bambini, data la prevalenza attuale dell'obesità
infantile in Nord America.

Le linee guida sono state sviluppate sulla base delle evidenze cliniche per
fornire raccomandazioni per la gestione dei pazienti diabetici di tipo 2 dai 10
ai 18 anni, e di nuova diagnosi. Per prima cosa si enfatizza l'uso di modalità
di gestione che hanno dimostrato di influenzare gli esiti clinici nella
popolazione pediatrica.

Le raccomandazioni riguardano i casi in cui insulina o metformina sono i
trattamenti di prima linea di bambini e adolescenti con diabete di tipo 2. Nel
trattamento iniziale si ribadisce con forza l'integrazione di modificazioni
dello stile di vita (la dieta e l'esercizio fisico), di concerto con i farmaci,
piuttosto che come un approccio isolato. E per la frequenza del monitoraggio
dell’emoglobina A1c (HbA1c) e del finger-stick della glicemia (BG) sono stati
presentati nuovi criteri.

Queste linee guida, sottolineano gli autori, non sono destinate a sostituire
il giudizio clinico o a definire un protocollo per la cura di tutti i bambini
con diabete di tipo 2, e le raccomandazioni non possono fornire il solo
approccio appropriato alla gestione dei bambini con diabete di tipo 2.

L'AAP riconosce che alcuni medici di medicina generale potrebbero non sentirsi
sicuri della loro capacità di trattare con successo il diabete di tipo 2 in un
bambino e gli esperti sottoscrivono che in qualsiasi momento in cui un medico
non si sentisse adeguatamente formato o incerto sul trattamento dovrebbe
consultare un collega pediatra esperto.

Infine, se una diagnosi di diabete di tipo 2 viene formulata da uno
specialista pediatra, il medico di famiglia dovrebbe favorire una strategia di
cogestione con lo specialista, per garantire che il bambino continui a ricevere
cure adeguate in linea con un modello di medicina di famiglia in cui il partner
pediatra si allea con i genitori e i colleghi specialisti per garantire che
tutti i bisogni di salute della famiglia siano soddisfatti.

Autore: Patrizia Maria Gatti

Fonte:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23359574
Pediatrics. 2013 Gen 28. [Epub ahead of print]
Management of Newly Diagnosed Type 2 Diabetes Mellitus (T2DM) in Children and
Adolescents.
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: Sindrome metabolica

Messaggioda BIKER40 il 29 mar 2013, 9:06

(29-03-13) Diabetici di lunga data più a rischio di cancro

Anche se ben controllato, il diabete di lunga data è un fattore di rischio importante per tutti i tipi di cancro. Lo dimostra uno studio epidemiologico condotto dai Centers for diseases control and prevention (Cdc) di Atlanta, negli Stati Uniti. Per mettere in relazione la prevalenza di cancro con la durata del diabete e l'uso di insulina nell'adulto sono state analizzate le cartelle cliniche di 25.964 pazienti che hanno partecipato, nel 2009, a un programma specifico di sorveglianza. Dopo correzione per eventuali fattori confondenti, i ricercatori hanno dimostrato che più a lungo è durata la malattia più alta è la prevalenza di cancro (p <0,0001). Tra gli adulti con diagnosi di diabete di tipo 2 (più che tra quelli con diabete di tipo 1), la prevalenza stimata per tumori in tutte le sedi era significativamente più elevata tra i maschi (tasso di prevalenza corretto 1,6) e le donne (tasso di prevalenza corretto 1,8) che avevano dichiarato di essere diabetici da più di 15 anni. La prevalenza stimata per cancro in tutte le sedi è 1,3 volte più elevata nei diabetici di tipo 2 che sono in trattamento insulinico rispetto a chi non ha ancora bisogno dell'ormone ma si cura solo con antidiabetici orali. Il coordinatore dello studio, Chaoyang Li, avverte però che i risultati vanno considerati con cautela: «Si tratta di uno studio epidemiologico di popolazione, che è interessante soprattutto per chi vuole verificare se un programma di screening rivolto a questa categoria di pazienti sortisce un effetto positivo sulla sopravvivenza». In futuro bisognerà anche concentrare le analisi su possibili fattori di rischio comuni alle due patologie, dagli stili di vita agli aspetti genetici e immunitari. La differenza riscontrata tra diabetici di tipo 1 e 2, a parità di trattamento insulinico, si può probabilmente spiegare proprio in base alla diversa eziologia e, soprattutto, alle abitudini di vita nel periodo precedente la diagnosi di diabete.

Fonte: Diabetes Care. 2013 Jan 8. [Epub ahead of print]
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

Re: Sindrome metabolica

Messaggioda BIKER40 il 19 apr 2013, 16:05

(17-04-13) Sindrome metabolica, alcol dannoso anche se moderato


Il rischio di andare incontro alla sindrome metabolica (Sm) aumenta in
relazione al consumo di alcolici: secondo quanto emerge dallo studio condotto
da Maria T. Barrio-Lopez dell?Universit? di Navarra in Spagna e pubblicato su
Clinical nutrition, basta il consumo di una bevanda alcolica al giorno per far
aumentare significativamente le probabilit?. Lo studio ha seguito per pi? di
sei anni 8.103 partecipanti di et? media pari a 35,4 anni, laureati, in buona
forma fisica e con un?alimentazione di tipo mediterraneo, al reclutamento privi
di sintomi associati alla sindrome metabolica. I ricercatori hanno
diagnosticato i nuovi casi di Sm seguendo i cinque parametri definiti
congiuntamente dall?International diabetes federation, dall?American heart
association e dal National heart, lung, blood institute. Secondo questa
definizione la diagnosi di Sm viene fatta in presenza di almeno tre requisiti
tra valore elevato del girovita, trigliceridi alti, bassi valori di colesterolo
Hdl, ipertensione e iperglicemia a digiuno. Le abitudini alimentari sono state
valutate attraverso un questionario semi-quantitativo validato in Spagna con
139 voci, che includeva domande sullo stile di vita, sesso, et?, anni di
universit?, dati antropometrici, fumo e attivit? fisica, e infine storia
clinica del paziente. Ai partecipanti ? stato chiesto di indicare tipo (birra,
vino rosso, altri tipi di vino, superalcolici) e frequenza (giornaliera,
settimanale, solo nei weekend e mensile) nel consumo degli alcolici. Durante il
follow-up (durato in media sei anni) sono stati identificati 341 nuovi casi di
sindrome metabolica su 8103 partecipanti, pari a un'incidenza del 4,2%. Chi
consumava una quantit? pari o superiore a sette drink alcolici a settimana ha
mostrato un rischio significativamente pi? alto di sviluppare la sindrome
metabolica, rispetto ai non bevitori. In aggiunta a questo dato ? stato
dimostrato che i parametri pi? a rischio nei bevitori sono l?alto valore di
trigliceridi nel sangue, la glicemia elevata a digiuno e ? per chi consuma
birra ? i bassi valori di colesterolo HDL. Il rischio ? apparso pi? elevato in
chi concentrava il consumo (tipicamente nei due giorni del week-end). ?Questa
incidenza ? come scrive l?autore nel paper ? ? inferiore a quella descritta
nella popolazione spagnola, proprio come ci si aspetterebbe in una coorte di
giovani adulti attivi, con un basso BMI, una buona istruzione e privi
inizialmente di qualsiasi sintomo di sindrome metabolica, ma ? tuttavia
indicativa dell?aumento di rischio associato al consumo di alcol, da confermare
con ulteriori studi?.

Fonti:
Clinical Nutrition 2012 Dec 12. S0261-5614(12)00273-7.
doctornews33
Le malattie non ci piovono addosso dal cielo,
Sono il risultato di piccoli e quotidiani peccati che compiamo contro la Natura.
Quando si accumula una quantità sufficiente di peccati, le malattie appaiono improvvisamente.
Ippocrate.
Avatar utente
BIKER40
Honorary Member
Honorary Member
 
Messaggi: 19129
Iscritto il: 27 set 2005, 10:48
Località: Umbria

PrecedenteProssimo

Torna a Essere & Benessere

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti